Questo sito utilizza cookie tecnici, analytics e di terze parti.
Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie.

Preferenze cookies

L’Ambasciatore d’Italia in Gabon, Gabriele Di Muzio, in visita alla sede della Cora Wood

Nell’ambito del suo viaggio di servizio a Port Gentil, l’Ambasciatore d’Italia in Gabon, Gabriele Di Muzio, ha effettuato un’interessante visita all’impianto della Cora Wood, calorosamente accolto da Stefano Corà, titolare dell’Azienda, e dai suoi collaboratori.

La società vicentina, nata nel 1919, ha rilevato nel 2001 un grosso impianto per il taglio e la lavorazione del legname appartenente all’ente statale « Compagnie Forestiere Gabonaise », da cui è nata Cora Wood Gabon (CWG). Quest’ultima dà oggi lavoro a 700 gabonesi e a numerosi tecnici italiani. L’impianto, di oltre 300mila mq, sorge su un appezzamento di proprietà di oltre 40 ettari ed include segherie e linee per la lavorazione del legname che viene esportato in tutto il mondo. L’azienda italiana sfrutta una concessione di 400mila ettari a Nyanga (a Sud di Port Gentil) per il taglio del legno « Okoumé », apprezzato per le sue qualità (leggerezza, flessibilità, impermeabilità) che lo rendono adatto alla produzione del cosiddetto « compensato marino », utilizzato nell’industria nautica.

Per il futuro CWG sta lavorando alla fusione con azionisti anglo-sudafricani per dar vita all’African Equatorial Hardwoods (AEH) che ingloberà l’impianto di Port Gentil ed estenderà le sue attività alla regione di Mayumba (nel Sud del Paese) dove, su una concessione di 700mila ettari, ha in animo di dar vita ad un investimento plurisettoriale che includerà la costruzione di un porto attrezzato ed aree dedicate all’agroindustria, al taglio, alla riforestazione e ad una riserva naturale (che accoglierà strutture ricettive – la zona ospita, tra l’altro, una popolazione di gorilla stimata attorno alle 10mila unità).

Questo ambizioso progetto, detto « Grande Mayumba », proietterà l’azienda di Stefano Corà verso nuovi settori, quali l’ecoturismo e la conservazione delle foreste (con il suo corollario dei crediti di carbonio) che costituiscono i comparti a più elevato potenziale per il futuro dell’economia gabonese.

Cora Wood rappresenta senza dubbio una delle realtà imprenditoriali italiane più importanti in Gabon.