Questo sito usa cookie per fornirti un'esperienza migliore. Proseguendo la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra OK

Quadro di riferimento

 

Quadro di riferimento

COOPERAZIONE ALLO SVILUPPO

Quadro di riferimento

Paese non prioritario di Cooperazione secondo i criteri vigenti, il Gabon, in termini di reddito pro-capite (che, da più di un decennio non è mai sceso sotto la soglia dei 3.500 US$), si pone al di sopra della media dei paesi vicini.

In base alle intese maturate in sede OCSE-DAC, per i Paesi con un reddito pro-capite relativamente elevato la concessione di crediti è possibile solo relativamente a crediti d’aiuto interamente “slegati” (cioé non condizionati all’acquisto di beni e servizi originati nel Paese donatore).

Le attività di cooperazione tra l’Italia e il Gabon sono regolate dall’Accordo di Cooperazione del 1988. Nello stesso anno si è riunita per l'unica volta una  Commissione Mista.

Il Gabon non gode attualmente di nuovi aiuti bilaterali a dono o a credito agevolato da parte dell’Italia, anche in considerazione della ricchezza di risorse del Paese.

Il settore delle borse di studio necessita un approfondimento. E’ ovvio che un programma di formazione professionale può essere sviluppato solo se accompagnato dalla presenza di formatori italiani in Gabon e soprattutto di formatori potenziali gabonesi in Italia.

Alta è la domanda nel campo della formazione professionale. I cittadini gabonesi hanno manifestato interesse per la protezione e la gestione dei parchi naturali, la produzione artigianale, il settore della trasformazione e conservazione dei prodotti ittici e l’apprendimento della lingua italiana e in tali settori si potrebbe studiare la possibilità di offrire borse di studio. Altre iniziative si possono pensare per la formazione nella protezione e la gestione dei parchi naturali e nella produzione artigianale.

Le linee guida per la cooperazione sono la verifica delle possibilità di nuove forme di cooperazione, ispirate al principio di partenariato, sia nel canale bilaterale che in quello multilaterale e la valutazione delle numerose richieste gabonesi da incoraggiare nel quadro della cooperazione decentrata, con riferimento a gemellaggi e attività sportive.

 


32